Totale (Tasse incl.): 0,00 €
  • Nuovo
ARTIST COLLECTIVE LEDAIG 2010 7 YO (70CL, 57.1% Vol.) ARTIST COLLECTIVE Whisky 69,76 €
  • ARTIST COLLECTIVE LEDAIG 2010 7 YO (70CL, 57.1% Vol.) ARTIST COLLECTIVE Whisky 69,76 €
ARTIST COLLECTIVE LEDAIG 2010 7 YO (70CL, 57.1% Vol.)
69,76 €
3 articoli
ARTIST COLLECTIVE LEDAIG 2010 7 YO (70CL, 57.1% Vol.)
Molto aperto, molto aromatico.
Note di mare, di ostriche, di alghe… Il fumo è massiccio, molto aggressivo e un po’ chimico: porto di mare, grigliata di pesce, tubo di scappamento.
C’è poi una presenza robusta di limone, anche limonata zuccherata. Sale col tempo la torta Paradiso, un che di zucchero a velo che arriva dritto dritto dalle botti di Bourbon. Sempre più erbaceo, col tempo, ma anche sempre più dolce (ci pare di sentire una caramella Leone, qualcuno addirittura dice alla fragola).
Finale molto, molto lungo, con una torba chimica, da plastica bruciata e ancora un fumo acre; a cui si aggiunge il pesce, una marinità di ritorno che al palato sembrava ormai un mero ricordo. Limone, tantissimo.
Quantità

Add to wishlist

 

Pagamenti sicuri e certificati

 

Spedizione rapida e sicura in 24/48 ore

 

Spedizione tracciabile in tempo reale

ARTIST COLLECTIVE LEDAIG 2010 7 YO (70CL, 57.1% Vol.)

 

Molto aperto, molto aromatico.

Note di mare, di ostriche, di alghe… Il fumo è massiccio, molto aggressivo e un po’ chimico: porto di mare, grigliata di pesce, tubo di scappamento.

C’è poi una presenza robusta di limone, anche limonata zuccherata. Sale col tempo la torta Paradiso, un che di zucchero a velo che arriva dritto dritto dalle botti di Bourbon. Sempre più erbaceo, col tempo, ma anche sempre più dolce (ci pare di sentire una caramella Leone, qualcuno addirittura dice alla fragola).

Finale molto, molto lungo, con una torba chimica, da plastica bruciata e ancora un fumo acre; a cui si aggiunge il pesce, una marinità di ritorno che al palato sembrava ormai un mero ricordo. Limone, tantissimo.

 

Tobermory Ledaig distillery

La distilleria è stata fondata come distilleria Ledaig nel 1798 da John Sinclair, dieci anni dopo la fondazione di Tobermory da parte della British Fisheries Society. Sinclair era originariamente arrivato nel villaggio come mercante che si occupava di carbonato di sodio bruciando le alghe disponibili localmente. Nell'aprile 1797 fece domanda per 57 acri a sud del porto per costruire case e una distilleria. La distillazione era stata vietata nel Regno Unito dal 1795 per risparmiare grano per la guerra della prima coalizione con la Francia. Sebbene inizialmente gli fosse stato detto di costruire invece una fabbrica di birra, è rimasto con il piano originale e ha inoltre costruito un molo noto come "Sinclair's Quay".

Gli attuali edifici furono costruiti durante quel primo periodo di occupazione e furono concessi in licenza nel 1823. Fu acquisita dalla John Hopkins & Co nel 1890 e dalla Distillers Company nel 1916 prima di chiudere nel 1930 a seguito di un calo della domanda di whisky dovuto a dieci anni di proibizionismo negli Stati Uniti.

 

 

Le case colorate del villaggio di Tobermory

Nel 1972 fu riaperto con il nome di Ledaig Distillery (Tobermory) Ltd. Nel maggio 1975, la produzione dovette fermarsi per un mese poiché lo spazio di stoccaggio per il whisky era esaurito. La costruzione di un deposito doganale era stata ritardata, causando il licenziamento di quattordici lavoratori nel corso della durata. Seguì l'entrata in amministrazione controllata della distilleria, acquistata dalla Kirkleavington Property Company nel 1978, riaperta tra il 1979 e il 1981. Negli anni '80 i magazzini furono svenduti per la conversione in appartamenti, e come tale la maturazione non avviene in loco. Ha chiuso di nuovo fino al 1989 e nel 1991 è stato acquistato da Burn Stewart Distillers per £ 600.000 più £ 200.000 per le azioni.

Burn Stewart Distillers è stata acquistata da CL Financial, con sede a Trinidad, per 49 milioni di sterline nel 2002, inclusa la distilleria di Tobermory e Deanston. Rimane l'unica distilleria di whisky sull'isola di Mull, nel villaggio principale di Tobermory, all'estremità settentrionale dell'isola. Tobermory è nota per la varietà di colori con cui sono dipinte le case del lungomare e per essere stata la location del programma televisivo per bambini Balamory. La stessa distilleria si trova ai piedi di una ripida collina, alla testata della baia.

Nel 2012, durante l'estate più secca da trent'anni, la distilleria è stata costretta a sospendere temporaneamente la produzione, per preservare la qualità e la consistenza del suo whisky. All'inizio dell'anno successivo, dopo diversi mesi di tempo insolitamente secco, ci fu un'altra temporanea interruzione della produzione. In ogni occasione, il livello dell'acqua nel piccolo lago privato utilizzato per fornire acqua alla distilleria si era abbassato a tal punto che era necessaria una pioggia adeguata per ricostituirlo a un livello soddisfacente. Nel 2013 Burn Stewart è stata acquistata da Distell Group Limited del Sud Africa.

01393
3 Articoli

Riferimenti Specifici

Opinioni

Scrivi la tua opinione

ARTIST COLLECTIVE LEDAIG 2010 7 YO (70CL, 57.1% Vol.)

ARTIST COLLECTIVE LEDAIG 2010 7 YO (70CL, 57.1% Vol.)
Molto aperto, molto aromatico.
Note di mare, di ostriche, di alghe… Il fumo è massiccio, molto aggressivo e un po’ chimico: porto di mare, grigliata di pesce, tubo di scappamento.
C’è poi una presenza robusta di limone, anche limonata zuccherata. Sale col tempo la torta Paradiso, un che di zucchero a velo che arriva dritto dritto dalle botti di Bourbon. Sempre più erbaceo, col tempo, ma anche sempre più dolce (ci pare di sentire una caramella Leone, qualcuno addirittura dice alla fragola).
Finale molto, molto lungo, con una torba chimica, da plastica bruciata e ancora un fumo acre; a cui si aggiunge il pesce, una marinità di ritorno che al palato sembrava ormai un mero ricordo. Limone, tantissimo.

Scrivi la tua opinione